Perugia Pride, le polemiche che mancavano!

Uno di quei cattolici che sono così cattolici che vogliono spiegare al Papa cosa significa essere cattolici, ci accusa di #cortocircuito (cosa che sottolinea con l’ashtag, evidentemente di cortocircuiti e contraddizioni varie è espertissimo). Ora bisognerebbe spiegargli che quando diciamo: “nella libertà di espressione non è contemplato il diritto di offendere (ne’ tanto meno di diffamare)” ci si riferisce a persone reali e non ai vari amichetti immaginari che qualcuno si porta dietro dall’infanzia più o meno inculcati con dovuta sapienza clericale. Il fatto che uno ammanti di “sacro” un’immagine qualunque non vuol dire che altri non possano rielaborare quell’immagine e finanche farci satira. E’ un discorso arcinoto, ma ai clericalotti e integralisti vari confondere le acque conviene sempre. Nel caso specifico, che tanto scalpore ha destato nei politici del #comunediperugia che […]

articoli, blog   |   Tags: , , , , ,

La scienza democratica e la libertà di espressione

Circola in questi giorni una raccolta firme per far revocare la radiazione dall’ordine dei medici di un noto antivaccinista. Gli argomenti dei promotori sono l’appello alla libertà di opinione e di espressione, salvaguardate dal nostro ordinamento costituzionale e giuridico. Quello che costoro non capiscono è che nella libertà di espressione non rientra la libertà di diffondere, più o meno in buona fede, notizie false che mettono a rischio la salute dei bambini e della società. Il fatto che ognuno di noi possa avere la sua idea personale (e sottolineiamo personale) sull’efficacia e sulla pericolosità dei vaccini non comporta che lo Stato possa giustificare una pericolosa campagna di disinformazione che riporti la società indietro di decenni. Sul fatto che i vaccini siano un validissimo mezzo di difesa contro i virus e che la […]

articoli, filosofia e scienza   |   Tags: , , ,

Je suis Charlie anche ora, e tu cosa sei?

Premessa inutile per la maggiorparte dei lettori. Dire “Io sono Charlie”, non significa dire che automaticamente ci debbano piacere tutte le vignette di Charlie Hebdo ne’ che non possiamo dire che la vignetta sulle vittime del terremoto, ma anche quelle sul bambino siriano morto, ma anche quella sul dio cattolico con il kalshnikov dell’Isis facevano oggettivamente schifo. Dire “Io sono Charlie” significa dire che a prescindere dalla qualità della vignetta satirica (ma il discorso può essere esteso a qualunque forma d’arte) l’autore ha il diritto di farla e, se ha un giornale a sua disposizione, di pubblicarla. Significa rifiutare la censura. Significa difendere la libertà di espressione sempre e comunque, anche quando ci fa arrabbiare e ci colpisce. Detto questo Je suis Charlie e tu cosa sei? Non sei Charlie e non […]

articoli, attualità   |   Tags: , , ,

Papa Francesco è così buono che la libertà di espressione non serve più

Presi anche noi di Civiltà Laica dal delirio mass-mediatico in cui si fa quotidianamente a gara ad esprimere l’ammirazione sulla bontà di Papa Francesco abbiamo pensato ingenuamente che fosse solo una formalità il dover andare alla questura per comunicare l’intenzione di effettuare un volantinaggio ad Assisi, in occasione della visita del pontefice. Il volantino che avremmo voluto distribuire poneva delle domande al pontefice su alcune questioni laiche in sospeso nel nostro paese, come le tematiche del fine vita, i costi della chiesa e altre cosucce del genere. Con nostro stupore la questura di Perugia ha negato l’autorizzazione al volantinaggio per “motivi di ordine pubblico” in quanto qualcuno poteva reagire con violenza alla vista del volantino e di conseguenza la questura stessa non poteva garantire l’incolumità di chi avesse effettuato il volantinaggio. Così […]

articoli, in evidenza   |   Tags: , ,

Siamo esattamente ad una settimana dall’inizio della "Settimana del Libero Pensiero 2009", ecco il programma che invitiamo tutti i nostri amici a diffondere il più possibile. Sabato 7 Febbraio 2009 — sala comunale di via Aminale ore 16.00 V DARWIN DAY Quest’anno il consueto appuntamento con la divulgazione scientifica vanterà la presenza di due dei maggiori biologi evoluzionisti italiani, il Prof. Gianfranco Biondi e la Prof.ssa Olga Rickards co-autori dei libri “Uomini per caso” e “Il codice Darwin”. Martedi 10 Febbraio 2009 – Sala Laura in via Carrara 2 – Terni DIBATTITO Libertà di espressione? Ostacoli e assurdità burocratiche nel nostro paese che limitano, di fatto, libertà costituzionali. Giovedi 12 Febbraio 2009 – Sala Laura in via Carrara 2 – Terni SERATA DARWINIANA Nel giorno della nascita di Charles Darwin un appuntamento […]

blog   |   Tags: , , , , , , , ,

Lunedi 29 Settembre, appare sull’unità o per meglio dire sul suo inserto satirico "emme" questa vignetta: Reazioni isteriche del PDL, in particolare di Gasaprri che portano a scusarsi i direttori dell’unità e di emme. Poi oggi sul manifesto c’è Vauro che chiude la questione. Standing Ovation e niente commenti!!! redazione[at]civiltalaica.it

blog   |   Tags: , , , , , ,

Ovviamente c’è da rallegrarsi della decisione presa dal guardasigilli Alfano che, evidentemente travolto da un inspiegabile ventata di buon senso in un paese in piena deriva clericale,  ha negato l’autorizzazione a procedere contro Sabina Guzzanti per le presunte "offese" al papa durante il "no cav day" dell’8 Luglio scorso. A prescindere dalle giustificazioni del Ministro della Giustizia volte ad enfatizzare la bontà papale "in grado di perdonare qualunque offesa" o dalla interpretazione molto più realistica data da Di Pietro, il tutto verrà comunque ricordato come un clamoroso tentativo di intimidire chi intende avvalersi del diritto di libertà di espressione. Certo, per gli amanti della farsa non è una buona notizia… sarebbe stato interessante assistere ad un processo con "scenette" di questo tipo: Accusatore: "la sig.ra Guzzanti è accusata di vilipendio contro il Papa per averlo arbitrariamente collocato […]

blog   |   Tags: , , , , , , , , ,

Sconfitto chi voleva la censura contro la blasfemia a Bolzano. Le polemiche erano nate dall’esposizione di una scultura rappresentante una rana crocifissa, scultura che a detta dell’autore voleva "combattere l’ipocrisia di chi bada più all’apparenza che all’assenza delle cose". Il risultato ottenuto invece, era stato finora quello di far andare su tutte le furie gli integralisti cattolici altoatesini, con la clamorosa protesta del presidente del consiglio del Trentino che ha fatto nove giorni di sciopero della fame come protesta contro la blasfemia. Invece il cda del museo ha resistito a tutte le pressioni politiche ed ha votato a favore della libertà di espressione. L’articolo del Corriere della Sera redazione[at]civiltalaica.it

blog   |   Tags: , , , , , , ,