Bergoglio superstar

Pubblicato da

Bergoglio superstar

Terminano, finalmente, le celebrazioni per la Giornata mondiale della Gioventù 2013. Dopo aver saputo per filo e per segno, dai nostri instancabili media, cosa ha detto e ha fatto papa Bergoglio in ogni momento delle sue lunghe giornate, a chi ha sorriso, come era vestito, quante volte ha tirato giù il finestrino della papamobile, a chi ha detto buongiorno e a chi buonasera, veniamo a sapere che di ritorno dal Brasile ha pronunciato le fatidiche parole: «Chi sono io per giudicare un gay?». Apriti cielo.

articoli, riflessioni   |   Tags: , , ,

Non è certo il politically correct la base dell'ipocrisia

 Dal Devoto Oli, Politicamente corretto: Di condotta, comportamento, modo di dire improntato al pieno rispetto dell’identità politica , etnica, religiosa, sessuale, sociale, ecc. di altri soggetti. (estens.) Rispettoso nei confronti di soggetti deboli o minoritari. L’uscita di Bergoglio questa mattina può aver sorpreso solo chi non è abituato a seguire le crociate dei probi cattolici in rete, in realtà sono diversi anni che i probi cattolici si lamentano continuamente nel confronto (in particolare quello on-line dove tutto o quasi rimane scritto) per non potere usare il linguaggio a loro consono. Ovvero, si lamentano perché non possono più dire che “i froci sono malati di mente”, che gli “atei sono bestie senza morale” o che gli “islamici sono pedofili”, pena la cacciata dal forum di discussione del moderatore che per l’appunto applica la […]

articoli, blog   |   Tags: , , ,

Francesco, aspettiamo i fatti

Il nome è un buon segno, per quel che può valere. Apparire al balcone con la croce di ferro e senza stola è un altro buon segno, siamo a due. Non appartiene alla sporca dozzina che la Snap (rete dei sopravvissuti alle vittime dei preti pedofili) aveva indicato come ineleggibili (all’interno di quella c’erano i favoritissimi Scola, Bertone, Oullet e Turkson). Siamo a tre buoni indizi, qualche investigatore dilettante direbbe di avere una prova della bontà del nuovo papa. Purtroppo un’ora dopo la sua apparizione al balcone erano già emerse tutte (?) le macchie della storia del Cardinale Bergoglio: la complicità (o volendo essere buoni il silenzio) con la dittatura argentina, le posizioni omofobe e quelle misogine.

articoli, blog   |   Tags: , ,