Emigrare per morire con dignità

I giornali di questi giorni hanno raccontato la storia di Vittorio Bisso. Malato di Sla, si è sottoposto a cure anche all’estero, ma dopo il peggioramento irreversibile della malattia ha scelto la strada che lo ha portato al suicidio assistito in Svizzera. Era un ex assessore comunale di Dolo (VE), un comunista (del PdCI per l’esattezza), un ateo e per di più sbattezzato come riporta con dovizia di particolari il Corriere della Sera nella sua edizione on line veneta.

articoli, riflessioni   |   Tags: , , , ,

Nei giorni scorsi la stampa ha riportato la notizia del suicidio assistito di Vittorio Bisso, consigliere comunale di un paese del Veneto, colpito appena due anni fa dalla SLA, Sclerosi Laterale Amiotrofica, malattia ad andamento progressivo che conduce nell’arco di alcuni anni alla completa paralisi del corpo e, infine, alla morte. Consapevole degli sviluppi della sua malattia, Bisso aveva da qualche tempo pensato al proprio trapasso.

articoli, attualità   |   Tags: , , , ,