L’alba

Pubblicato da

L'alba

Era il febbraio 2002 quando sotto la statua di Giordano Bruno a Campo de’ Fiori divenni un attivista per la laicità e per i diritti civili iscrivendomi ad una nota associazione della quale (in questo momento) voglio tacere anche il nome. Da quel giorno ho dovuto assistere a tutto quello che un attivista per i diriti civili non vorrebbe mai vedere ma per cui ha deciso di combattere: gli schieramenti di convenienza dei politici, i crocifissi nei seggi elettorali, il voltafaccia sulla legge 40 di Rutelli (l’uomo che ha spalancato la porta all’entrismo confessionale all’interno della sinistra italiana provocandone lo sfacelo), il fallito referendum del 2005 (vissuto in prima linea nel comitato promotore) per tentare di abolirla, gli obiettori nelle strutture pubbliche (che poi andavano a praticare serenamente aborti nelle strutture private), […]

articoli, riflessioni   |   Tags: ,

Cosa cambierebbe in Italia con la legge Cirinnà

Nelle prossime settimane dovrebbe approdare alle aule parlamentari la proposta di legge in materia di convivenze, che contiene un duplice provvedimento. Riconosce da un lato la convivenza tra persone dello stesso sesso, con un quadro di diritti e doveri molto simile a quello del matrimonio e, dall’altra, disciplina la realtà delle coppie di fatto, anche in questo riconoscendo una serie di diritti sinora misconosciuti.

articoli, attualità   |   Tags: , , , , ,

Su la Repubblica del 22 luglio leggiamo nell’articolo di Oriana Liso che la Curia di Milano, alla vigilia dell’arrivo in Consiglio comunale della delibera proposta dal sindaco Pisapia che riconosce pari diritti nell’accesso ai servizi comunali per tutte le famiglie, anche omosessuali, ha dichiarato che trattasi di una “Iniziativa inefficace, probabilmente questa Giunta in qualche modo deve saldare alcuni debiti verso una parte di elettorato che l’ha sostenuta” e che “non è dato sapere quanto costerà ai cittadini“.

articoli, attualità   |   Tags: , , ,

E’ con estremo piacere che assegno a Wally "JFK" Veltroni il premio "Faccia di Bronzo" 2007. La selezione è stata durissima, con pretendenti del calibro di George W. Bush o Joseph Ratzinger ma non c’è alcun dubbio che con la sua odierna lettera a "la repubblica" il "chennediano de noantri" ha superato qualunque limite fino ad oggi conosciuto. Con supremo sprezzo del ridicolo Wally riesce a definire l’o.d.g. presentato dal PD romano un tentativo di offrire "un terreno di confronto avanzato, serio e rispettoso di tutte le sensibilità" quando l’unica cosa che gli si chiedeva era quello di istituire ANCHE a Roma un registro dell’Unioni Civili presente già in oltre TRENTA città italiane, mentre il suo/del suo partito odg mirava semplicemente a rimandare al governo la questione per non offendere i suoi amichetti oltreteverini. […]

blog   |   Tags: , , , , , ,

Il re è nudo

Pubblicato da

Come ampiamente previsto i nodi sono venuti al pettine. Il PD alle prime prove del fuoco si dimostra per quello che è, un partito totalmente piegato alle richieste vaticane e totalmente appiattito sulle posizioni dei suoi esponenti teo-dem più intransigenti. Esponenti che hanno paura anche di gesti simbolici come quello di creare un registro delle unioni civili a Roma, città del Papa (e sottolineo del Papa, nel suo significato possessivo). Il voto di ieri nel comune di Roma distrugge, di fatto, una maggioranza quella di centrosinistra e ne consacra un altra, quella della destra clericale. I Piddini hanno infatti votato con estrema disinvoltura a fianco della destra clericale nei due ordini del giorno presentati dalla Sinistra Arcobaleno e dalla Rosa nel Pugno, affossando senza pietà la testimonianza di diecimila persone (il doppio del necessario per presentare una delibera popolare) che avevano […]

blog   |   Tags: , , , , , ,

Nel Consiglio comunale del 17 giugno 2007 ho presentato una mozione per l’istituzione a Roseto degli Abruzzi di un registro delle unioni civili, il quale avrebbe avuto valore nel solo territorio comunale, non avrebbe interferito con i registri anagrafici e non sarebbe entrato nel merito delle tutele previste dal diritto di famiglia. Proponevo uno strumento di grande valore simbolico e di civiltà che avrebbe avuto la funzione di riconoscere piena cittadinanza ai nuclei familiari che si sono costituiti non in forza del matrimonio religioso o civile, ma in presenza di solidi e duraturi vincoli affettivi o per reciproca assistenza morale e materiale. Le conseguenze sul piano amministrativo sarebbero state limitate all’assistenza sociale. Si trattava di una proposta sensata e ragionevole, con la quale invitavo il Consiglio a riconoscere nuove forme di convivenza […]

blog   |   Tags: , , , , , , , ,