Scuole paritarie: quale servizio pubblico?

Sono passati 16 anni da quando l’allora ministro dell’Istruzione Luigi Berlinguer, con la legge 62 del 10 marzo 2000, definì i criteri per la parità tra scuola privata e scuola pubblica e battezzò l’insieme delle due “Sistema nazionale di istruzione”. In sostanza, una scuola privata per essere “paritaria” – e quindi poter rilasciare titoli di studio legali – deve rispettare norme e ordinamenti vigenti su offerta formativa e organi collegiali, accettare tutte le richieste di iscrizione senza discriminazioni e assumere docenti in possesso di abilitazione all’insegnamento. Qualora poi non ci siano fini di lucro, l’istituto accede ai finanziamenti pubblici stanziati annualmente, una cifra che si aggira intorno ai 500 milioni di euro l’anno. La dicitura «senza oneri per lo Stato» con la quale la nostra Costituzione all’articolo 33 autorizza l’istituzione di scuole […]

articoli, riflessioni   |   Tags: , , ,

La vicenda dell’insegnante trentina alla quale una scuola cattolica non ha rinnovato l’incarico perché lesbica apre scenari che vanno al di là del semplice principio di non discriminazione sancito dalla nostra Costituzione. 

articoli, attualità   |   Tags: , , , ,

Miracolo del governo Letta: pioggia di milioni sulla Scuola privata

Il Vaticano con tutte le sue diramazioni politiche esulta per la Legge di Stabilità, che foraggia le scuole paritarie al di là delle aspettative.

articoli, riflessioni   |   Tags: , , ,

Quando vincono le fionde

La sfida di Bologna era palesemente impari. Da una parte la triade dei partiti Pd-Pdl-Lega supportati apertamente e attivamente da una cosa che si chiama Chiesa Cattolica Apostolica Romana che dicono abbia una qualche influenza in questo paese,

articoli, attualità   |   Tags: , , , ,

Bologna, una sfida da un milione di euro

Il 26 Maggio 2013 a Bologna si terrà un’importantissima consultazione referendaria che chiamerà i cittadini bolognesi ad esprimersi sul seguente quesito: Quale fra le seguenti proposte di utilizzo delle risorse finanziarie comunali che vengono erogate secondo il vigente sistema delle convenzioni con le scuole d’infanzia paritarie a gestione privata ritieni più idonea per assicurare il diritto all’istruzione delle bambine e dei bambini che domandano di accedere alla scuola dell’infanzia? a) utilizzarle per le scuole comunali e statali b) utilizzarle per le scuole paritarie private

articoli, blog   |   Tags: , , , ,

Prove tecniche di pio governo

In rete ha generato stupore la notizia che a Bologna, città amministrata dal centrosinistra, il PD abbia fatto passare il rinnovo del finanziamento locale alle scuole private adottando la ben nota tecnica del “salto della quaglia”, cioè cambiando maggioranza e votando assieme alla presunta opposizione rappresentata dal Pdl.Anche Fiorella Mannoia sulla sua pagina di facebook ha commentato la notizia con le parole «Non sanno piú chi sono, non si distinguono piú dagli altri…che tristezza!!!! ».Ci stupiamo di tanto stupore!

articoli, blog   |   Tags: , , , ,

Credendo di mettere una toppa alle sue recenti esternazioni sulla scuola pubblica, Berlusconi ha aperto, senza rendersene conto, un altro baratro. «Io non ho mai attaccato la scuola pubblica – ha dichiarato sabato scorso in collegamento telefonico con la convention di Noi Riformatori di Avezzano – ho solo detto, parlando a dei cattolici, che bisogna riconoscere alle famiglie cattoliche che mandano i figli alla scuola pubblica il diritto a non vedere insegnati ai loro figli valori diversi da quelli in cui credono». Già. Appare disdicevole che nei corsi di scienze si insegnino teorie mistificatorie sull’evoluzione della specie o sulla fisiologia dell’apparato genitale. Fosse mai che poi qualche ragazzo creda che non discendiamo da Adamo ed Eva o metta in dubbio che il sesso sia stato “pensato” ad esclusivo uso riproduttivo? Ma i […]

blog   |   Tags: , , ,

Le scuole private lombarde possono stare tranquille fino al 2015. Regnante Formigoni, non avranno problemi di bilancio: il giochino del "buono scuola" è promosso a pieni voti. La Costituzione vieta di finanziare direttamente gli istituti privati, ma a Milano e dintorni si possono distribuire a piene mani i preziosi ticket che consentono di mandare i ragazzi dalle elementari al liceo sui banchi privati coi soldi pubblici. Per la precisione, nell’anno 2008/2009, il 9% degli scolari ha consumato l’80% delle risorse assegnate allo studio, ovvero 47 milioni di euro finiti a pagare le rette di collegi e pie istituzioni per 98.392 ragazzi a fronte dei 12 milioni destinati al restante milione di studenti lombardi. Un meccanismo spiegato dal Rapporto 2009 sul finanziamento pubblico alla scuola privata in Lombardia elaborato dal Gruppo regionale di […]

blog   |   Tags: , , , , ,