25 Aprile, rigurgiti fascisti e ignoranza varia

Ultime notizie dalla rossa umbria. A Todi il sindaco di destra toglie all’Anpi il patrocinio per festeggiare il 25 aprile perché, è una festa “di parte”. Ad Amelia la sindaca di destra vieta alla banda cittadina di cantare Bella Ciao nella commemorazione del 25 aprile. Le due notizie che sono una novità per la nostra regione ma non certo per la penisola italica dove l’ignoranza veleggia indisturbata (47% di analfabetismo funzionale, ricordiamolo sempre), non giungono certo a ciel sereno ma sono il frutto della sapiente operazione di rimozione della memoria storica operata in questi anni. Dalle vie intitolate a qualche centinaio di “martiri delle foibe” che vorrebbero cancellare centinaia di migliaia di slavi trucidati dalla pulizia etnica italo-fascista, passando per lo sdoganamento dei repubblichini di Salò che sono equiparati ai partigiani (come […]

articoli, attualità   |   Tags: , , , , ,

I partigiani non c'erano

Quello di Germano Rubbi (Dalia Edizioni) è un racconto storico sulla resistenza. I nomi dei protagonisti sono stati cambiati, i luoghi no. I fatti narrati quindi si sono svolti realmente a Calvi dell’Umbria nei mesi successivi all’8 settembre 1943 e antecedenti al 25 Aprile 1945. L’opera compie un ottimo lavoro di ricostruzione senza cadere nelle opposte trappole della mitizzazione di Stato e la conseguente istituzionalizzazione dell’azione partigiana e del becero revisionismo in certa di scoop e guadagni facili.

articoli, recensioni   |   Tags: , , ,