Se a Camillo Langone non piace la donna che gioca a pallone...

… a chi glie ne importa? A nessuno, ovvio. Risposta scontata. A livello di conoscenza antropologica invece è sempre utile invece sapere quanto sono profonde le valli della mente umana malata di sessuofobia e accecata dalle religioni. Così il prode Camillo Langone, che fa sempre rima con melone, non manca mai di darci enormi soddisfazioni, sia come campione dell’umorismo involontario sia come caso umano da compatire (non troppo, finché trova chi lo paga per mettere nero su bianco le sue fobie). “Non avete letto che il Creatore da principio li creò maschio e femmina?” Così attacca su Il Foglio e la domanda già sorge spontanea: “E se non l’avessimo letto?” Anzi “Se l’avessimo letto ma ‘nun ce ne po’ frega’ de meno’ come si direbbe a Versailles”, cosa avrebbe da ridire in […]

articoli, attualità   |   Tags: , , , , ,

Dato che è appena passata la "festa della donna" e dato che crediamo che l’attenzione sulla condizione delle donne, soprattutto nel nostro paese, non deve durare solo un giorno; crediamo di far cosa gradita ricordando cosa dicono alcuni grandi (?) personaggi ecclesiastici delle donne. Se qualcuno e/o qualcuna ne vuol trarre conclusioni su quali sono le radici della misoginia della nostra società, è ovviamente libero di farlo. San Paolo (considerato da alcuni il vero fondatore del cristianesimo) Nelle riunioni delle comunità le donne dovranno tacere perché non è loro consentito di parlare, ma devono restare sottomesse e se vogliono sapere qualcosa lo devono chiedere, a casa, al marito. Devono avere sul capo il velo in segno di umiliazione per la loro bassezza: portare il velo significa  vergognarsi a causa del peccato introdotto nel […]

blog   |   Tags: , , ,