Con un tempismo da orologio atomico, ecco arrivare l’annuncio di Renzi: entro fine mese sarà pronta la proposta del governo sulle unioni civili. Che poi il termine corretto sarebbe “unioni omoaffettive”, visto che il governo vuole normare solo le coppie dello stesso sesso. Ma cosa è successo in questi giorni da spingere il presidente del Consiglio ad accelerare il passo se fino a un paio di settimane fa procrastinava laconicamente la questione dei diritti civili al termine del programma dei Mille giorni?

articoli, attualità   |   Tags: , , , , ,

La famiglia che non c'è (più)

Famiglia, dal punto di vista grammaticale, è un sostantivo astratto, ossia un termine che indica un concetto. Al pari di felicità oragionamento, ognuno può declinarlo secondo la sua cultura o la sua personale percezione. Possono “sentirsi” famiglia delle persone che si amano, delle sorelle, un nonno e i nipoti o degli amici di vecchia data, solo per fare alcuni esempi.

articoli, riflessioni   |   Tags: , ,

Adozioni

La sentenza della Cassazione che ha confermato l’affidamento esclusivo di un bambino alla madre, convivente con un’altra donna, ha iniziato come prevedibile a far discutere.

articoli, attualità   |   Tags: , , , ,

Sul corpo delle donne

La polemica seguita all’immissione sul mercato europeo di un esame del sangue da fare in casa per diagnosticare la sindrome di Down del nascituro, di cui Cronache Laiche ha dato notizia nei giorni scorsi, lascia perplesso anche chi, come noi italiani, è ormai assuefatto all’ostracismo verso l’autodeterminazione della donna. Eppure i tanti anni di connubio tra berlusconismo e clericalismo, che hanno prodotto sottosegretari alla Salute al pari di Eugenia Roccella, dovrebbero averci abituato alle battaglie “pro vita” che si svolgono sul corpo delle donne in totale spregio dei loro diritti. 

articoli, in evidenza   |   Tags: , ,

“Ascolta una volta un giudice come me giudicò chi gli aveva dettato la legge: prima cambiarono il giudice e subito dopo la legge” Fabrizio De André, Sogno Numero Due in “Storia di un Impiegato”. Roma, 22 Gennaio 2010: udienza al Csm[1] per procedimento disciplinare nei confronti di un giudice. Protagonisti: L’ACCUSA: lo Stato italiano, nelle vesti del Csm; L’INCOLPATO: il giudice Luigi Tosti; LA DIFESA: il giudice si difendeva da solo. 1) IL PASSATO Vediamo, riassunte, le vicende che hanno portato a questa richiesta di procedimento disciplinare: il giudice Tosti, a partire dal Maggio del 2005 fino al Gennaio del 2006 (quando viene sospeso dalle sue funzioni), si è rifiutato di tenere udienze in aule in cui fosse esposto il crocifisso, simbolo della religione cattolica. Inoltre, nel frattempo: – non ha accettato […]

blog   |   Tags: , , , , ,

 [dall’Enciclopedia Galattica, ed. Asimov, anno 980 dell’era post-imperiale] Talebania, anno del (l’unto del) Signore 2009. Si alternavano in quei grotteschi giorni il ridicolo e il drammatico, le farse e le tragedie, con un ritmo forsennato che non è possibile rendere nel resoconto scritto. Un giorno il Benedetto Deus Ex Machina dei talebani sfidando ogni buon senso sproloquiava sul fatto che i preservativi non servissero contro l’AIDS, facendo scompisciare di risate l’intero pianeta e prendendosi severe ramanzine dai governanti mondiali, e il giorno dopo il Parlamento della Talebania, organo fantoccio della CET (Comunità Episcopale di Talebania) negava un diritto civile al popolo. Il diritto a rifiutare le cure, nello specifico caso. Accadeva infatti in quei giorni che, come se non si rendessero conto delle assurdità che andavano dicendo, i detentori del potere e […]

blog   |   Tags: , , , , , , ,

Sbraitano, sparlano, sproloquiano, vaneggiano ma soprattutto fanno quello che sanno fare meglio, strillano. Strillano perché come bambini viziati stanno perdendo quello che sono sempre stati abituati ad avere. Ovvero il controllo sulla vita (e la morte) altrui. Di questo hanno paura gli ipocriti che oggi strillano ai quattro venti la parola "omicidio" di fronte alla clinica di Udine che ha accolto Eluana Englaro per il suo ultimo viaggio. Insensibili al dolore altrui, noncuranti della richiesta di silenzio, indifferenti alle sentenze giuridiche, ignoranti dei Principi Costituzionali del paese in cui vivono. Gli ipocriti fondamentalisti religiosi del nostro paese stanno dando fiato a tutti i tromboni in loro possesso, perché vedono sfuggirgli di mano il controllo sulle vite altrui. Di questo hanno paura. Non di altro. L’autodeterminazione dell’individuo mette paura a chi da millenni […]

blog   |   Tags: , , , , , , ,

Sbraitano, sparlano, sproloquiano, vaneggiano ma soprattutto fanno quello che sanno fare meglio, strillano. Strillano perché come bambini viziati stanno perdendo quello che sono sempre stati abituati ad avere. Ovvero il controllo sulla vita (e la morte) altrui. Di questo hanno paura gli ipocriti che oggi strillano ai quattro venti la parola "omicidio" di fronte alla clinica di Udine che ha accolto Eluana Englaro per il suo ultimo viaggio. Insensibili al dolore altrui, noncuranti della richiesta di silenzio, indifferenti alle sentenze giuridiche, ignoranti dei Principi Costituzionali del paese in cui vivono. Gli ipocriti fondamentalisti religiosi del nostro paese stanno dando fiato a tutti i tromboni in loro possesso, perché vedono sfuggirgli di mano il controllo sulle vite altrui. Di questo hanno paura. Non di altro. L’autodeterminazione dell’individuo mette paura a chi da millenni […]

blog   |   Tags: , , , , , , ,