Sono passati ben 14 mesi dall’elezione di Jorge Mario Bergoglio al soglio pontificio, un tempo breve per fenomeni come l’evoluzione biologica ma più che sufficiente a dare giudizi politici sull’operato di chiunque. Cominciamo con il dire che l’elezione di Bergoglio non è stata un’elezione come le altre perché arrivava dopo la clamorosa abdicazione di Benedetto XVI, cosa che non succedeva da almeno 500 anni nella storia della Chiesa e che non poteva essere indolore. 

articoli, riflessioni   |   Tags: , ,

Evviva Wojtyla santo!

  L’incidente che il 24 aprile, a Cevo (BS) ha determinato la morte di un povero ragazzo che, a causa di problemi motori, non avrebbe fatto in tempo a scostarsi nella caduta di una grossa croce lignea dedicata all’ex papa polacco, è parso a molti un segno del cielo contro la sua santificazione. Ci sarebbe da ridere su queste superstizioni se non fosse stata una tragedia.

articoli, riflessioni   |   Tags: , , ,

Riconduzione al diritto comune. Si fa sempre più spazio nella cultura occidentale la tendenza a ritenere la religione un fatto privato, da vivere come intimo convincimento personale, in alternativa all’idea che la religione abbia anche il compito di assolvere a funzioni sociali di tipo identitario e di coesione.

articoli, riflessioni   |   Tags: , , ,

La religione come fatto privato La speranza di veder attuata un giorno in Italia una società laica, in cui sia venuta meno la supremazia della religione su ogni altro fenomeno sociale e culturale, poggia validamente sul “principio di laicità”, dichiarato dalla Corte Costituzione come principio supremo dell’ordinamento costituzionale italiano.

articoli, riflessioni   |   Tags: , , ,

Credenza e non credenza La nostra Costituzione non tutela esplicitamente il pensiero di chi non crede in alcuna religione, mentre contiene molte norme a garanzia del pensiero religioso e dei culti.

articoli, riflessioni   |   Tags: , ,

Tutela della non credenza e art. 19 Dalla lettura degli articoli della Costituzione che trattano le fondamentali libertà individuali nelle varie forme ed espressioni (artt. 2, 3, 7, 8, 19, 21) emerge l’assenza di una norma che affermi solennemente la libertà di pensiero e di coscienza, né si trova una menzione dell’ateismo e della non-credenza.

articoli, riflessioni   |   Tags: , ,

Se la nostra Costituzione assicura un’ampia tutela alla religione e al suo esercizio – ben sei articoli vi sono dedicati – non contiene alcuna norma che enunci solennemente la libertà di pensiero e di coscienza, uno dei cardini cui si ancorano i diritti fondamentali dell’uomo.

articoli, riflessioni   |   Tags: , ,

L’Assemblea Costituente che, all’alba della nostra Repubblica, fu chiamata a scrivere la Costituzione elaborò un testo Costituzionale in cui sono presenti numerose norme a tutela del pensiero religioso e delle Chiese, in ciò differenziandosi dalle grandi Carte sovranazionali in cui sono solennemente sanciti i diritti dell’uomo, nelle quali, per quanto riguarda la religione, ci si limita a dichiarare l’uguaglianza tra tutti gli uomini e la loro libertà di pensiero, coscienza e religione.

articoli, riflessioni   |   Tags: , , ,