Il Family Day? Alle urne raccoglie percentuali ridicole

La discesa in campo nella politica degli ispiratori del Family Day poteva anche andar peggio. Ad esempio i ladri avrebbero potuto svuotare le case di Adinolfi & co mentre questi si recavano alle urne. O i vigli potevano avergli multato la macchina fuori dal seggio. O se ad esempio il povero Adinolfi tornato a casa dopo aver adempiuto al suo dovere civico, avesse trovato i suoi figli a leggere “Il piccolo uovo” illustrato da Altan. A livelli di risultati invece no. Realisticamente parlando non poteva andare peggio. Nelle città più importanti il “movimento del family day” che si presenta pomposamente come “Il popolo della famiglia” raccoglie il suo massimo a Cagliari e a Bologna rispettivamente con l’1,19 e l’1,20 percento. A Torino si ferma allo 0,53 e a Napoli allo 0,36. Nella […]

articoli, blog   |   Tags: , , , , ,

Un milione di omofobi fa, o forse due.

Lo ripetiamo ancora una volta per sgombrare il campo da ogni possibile dubbio. In Democrazia i Diritti Civili non sono un tema su cui si decide a maggioranza, ma una volta che sono riconosciuti come tali vanno semplicemente concessi. Altrimenti non si parla di Democrazia ma di Dittatura della Maggioranza che è cosa diversa. Questo vuol dire che anche se il family day di oggi non fosse stato il flop che è stato ma ci fossero state effettivamente milioni di persone in piazza, il discorso non cambiava di una virgola. Il ddl Cirinnà per regolamentare le coppie di fatto etero e omosessuali che siano serve a sanare una discriminazione sancita in sede nazionale e internazionale. In quanto tale, un democratico (di sinistra, di centro o di destra che sia) non può non […]

articoli, attualità   |   Tags: , , ,

Le domande poste dal Family Day a cui occorre rispondere

Al di là della proprie convinzioni personali il Family Day 2015 pone alcune domande ineludibili a cui è tenuto a dare una risposta chiunque gli stia a cuore la Democrazia. È possibile che la libertà di espressione debba includere il diritto di diffondere notizie “false e tendenziose” del tipo: nelle scuole insegnano ai bambini a masturbarsi?

articoli, attualità   |   Tags: , , ,

Non ho mai ritenuto di avere il diritto di esprimere pareri morali sulle attività sessuali che avvengono fra adulti purché questi siano consenzienti. Di fronte all’ondata di sdegno neo-moralista che sta crescendo nel nostro paese, a causa delle abitudini private del nostro Presidente del Consiglio, non avrei che da sorridere pensando che quando si attacca un politico sul privato è perché nessun’altra carta è rimasta in mano ai suoi oppositori. Tuttavia questo sarebbe un ragionamento valido in un paese normale. Ovvero un paese in cui tutti hanno gli stessi diritti senza distinzione di razza, sesso, religioni o gusti sessuali. Invece non possiamo fare a meno di rilevare che il presunto utilizzatore finale delle varie escort a cui sono dedicate le copertine dei giornali di questi giorni, è diventato Presidente del Consiglio anche […]

blog   |   Tags: , , ,

Bella figura onorevole, non c’è che dire… non si preoccupi da noi non riceverà giudizi, visto che in quanto laici non riteniamo giusto addentrarci nelle scelte private sessuali delle singole persone… ci penseranno i suoi amici di partito a conciarla per le feste! Da laici invece quello che gradiremmo sarà un poco più di umiltà la prossima volta che capiterà di discutere di diritti degli omossessuali, di coppie di fatto… magari dopo questa esperienza sarebbe lecito attendersi un poco più di apertura mentale da parte sua rispetto alla linea del suo partito. Del resto si fidi, la sua brutta figura sarà dimenticata nel giro di pochi giorni, come del resto quella (molto più grave) del segretario del suo partito che a causa della sua "sbandata" e sicuramente anche a causa del solleone di questo lugio caldissimo […]

blog   |   Tags: , , , , , , , , ,