Lo stato della laicità in Italia

L’Italia secondo un principio riconosciuto dalla Corte Costituzionale e apparentemente accettato da tutti sarebbe uno stato laico. Ma la laicità non è un concetto assoluto. E’ una condizione variabile e cambia da Stato a Stato e se negli altri paesi la laicità ha registrato negli ultimi anni  significativi passi avanti, in Italia si è andato a rilento accumulando un ritardo rispetto all’Europa. Ma vediamo in concreto che cosa è stato fatto e cosa ancora rimane da fare. Gli obiettivi  che i sostenitori della laicità si erano proposti  di realizzare consistevano ne: il riconoscimento delle unioni civili, sia etero che omo; la riduzione dei tempi necessari per la separazione ed il divorzio; il riconoscimento delle direttive anticipate di fine vita, altrimenti conosciuto come diritto al testamento biologico; l’introduzione di meccanismi che consentissero la […]

articoli, attualità   |   Tags: , , , ,

Emergenza senza fine?

Quando qualche mese fa avevamo deciso di dedicare il numero 26 della nostra rivista al tema dell’immigrazione tutti noi pensavamo che la situazione della xenofobia (che quasi sempre porta al razzismo) era molto grave. Nessuno di noi pensava che sarebbe ancora potuta peggiorare. L’apertura di alcuni importanti siti ad un certo modo spregiudicato di presentare dati e notizie (spesso senza essere prima verificati) e la sterzata leghista del Pd e del suo leader Matteo Renzi che cercano di raccattare voti leghisti abbracciando l’infame ipocrisia riassunta nella frase “aiutiamoli a casa loro” sta facendo precipitare la situazione ovunque. Anche per questo si è potuti arrivare ad un assurdo “sgombero” romano, dove per la prima volta da quel triste luglio genovese del 2001 i diritti umani fondamentali sono stati di nuovo azzerati per un […]

articoli, attualità   |   Tags: , , , ,

Una lunga estate troppo calda

Ricapitolando. Il Codacons è contrario all’obbligo dei vaccini e denuncia Corto Maltese (il fumetto) per istigazione al fumo. La vera domanda da porsi è: chi è che li ha autorizzati a parlare in nome dei consumatori? In Islanda praticamente non nascono più bambini down. Questo non per mutazioni genetiche ma perché i test prenatali fanno scoprire in tempo la malattia (si è una malattia): in Italia quasi tutti i mass media l’hanno presentata come una cattiva notizia. Certo, lo sappiamo: se i bambini non nascono malati il buon dio non è contento. A Pistoia il vescovo rimuove o punisce i preti a seconda dei pareri di Forza Nuova. L’unico partito che è riuscito a far ingerenza nella chiesa. Tanto clamore per una bimba cristiana data in affido ai musulmani. Narrano di crocifissi […]

articoli, attualità   |   Tags: ,

Charlie non merita i ciarlatani

Verrebbe da pensare che la storia di Charlie, piccolo umano di dieci mesi afflitto da un terribile male incurabile, l’abbia mandata qualche entità superiore per ridar fiato alle grancasse esauste del Movimento per la Vita. In realtà il can can mediatico che è stato costruito sopra non può essere casuale, infatti nel prossimo mese, prima delle sacre ferie estive i parlamentari dovranno decidere se dotare, finalmente, il nostro paese di una legge sul fine vita o lavarsene per l’ennesima volta le mani e rimandare il tutto alle prossime legislature. In questi giorni in cui gli integralisti hanno fatto risuonare i loro tromboni ne abbiamo sentite di tutte i colori, dal solito complotto pluto-giudo-massonico-comunista per governare al mondo, a chi sarebbe pronto a scommettere 100 euro su Charlie prossimo vincitore dei 100 metri […]

articoli, attualità   |   Tags: , , , ,

L’Airbus A-380 atterra su 22 ruote. Sono poche? Sono troppe? Per saperlo è necessario il parere di un ingegnere aeronautico e non sono documentati casi di passeggeri che chiedano di smontare una ruota al pilota. Il ponte che consente all’autostrada A1 di superare il fiume Po all’altezza di Piacenza ha 16 campate. Sono troppe? Sono poche? Ci vuole un esperto di ingegneria civile per dirlo, e infatti nessuno degli automobilisti che ci passa soprasi azzarda a obiettare. In entrambi i casi ci si fida del fatto che gente estremamente qualificata, che conosce bene l’argomento, abbia fatto i calcoli corretti ed abbia deciso il giusto numero di campate o di ruote. Al contrario, sentite ogni giorno dire che “dodici vaccinazioni sono troppe” Lo dicono in tanti: parlamentari, mamme informate, padri combattenti, giornalisti d’assalto. […]

articoli, attualità   |   Tags: , , , , ,

Mosignor Paglia e Sorella Morte

Leggendo il titolo dell’ultima fatica letteraria dell’ex vescovo di Terni ci avevamo sperato. Avevamo sperato che per una volta la sua tanto millantata fama di vescovo super progressista così diffusa in città, specialmente nel sottobosco della politica, fosse meritata. Avevamo sperato che il titolo “Sorella morte” fosse in buona sostanza un monito a quella parte di integralisti cattolici che continuano a negare l’evidenza e l’urgenza della necessità di legiferare (in senso permissivo ovviamente) sul testamento biologico e sull’eutanasia nel nostro paese. Lo speravamo confidando nel richiamo francescano del libro ad accettare la morte e a capire che questa a volte può essere un bene quando la vita è insostenibile. Del resto anche Giovanni Paolo II ha detto “lasciatemi andare” alla fine della sua vita. Invece puntualmente Paglia si dimostra una delusione assoluta […]

articoli, attualità   |   Tags: , , , ,

La farsa di Medjugorje: chi comanda in Vaticano?

Premessa: saremo cattivissimi, i cattolici che tendono ad offendersi non leggano o che non si lamentino dopo. Su come la pensiamo da laici su Medjugorje lo sapete tutti. La nostra posizione è sintetizzata dal titolo del libro di Marco Corvaglia “Medjugorie: è tutto falso”. Se volete sapere perché razionalmente è tutto falso leggetevelo e se avete obiezioni da fare fatele a lui. Ha anche un bel sito sempre aggiornato. Ulteriore premessa: quello che non trovate sul libro di Corvaglia (o almeno in parte) è l’analisi della dicotomia dei cattolici: quelli adulti da una parte che storcono sempre più il naso di fronte a prodigi e visioni (che peraltro contraddicono il principio del libero arbitrio, transeat) che sono più aperti ai cambiamenti e capiscono che la Ccar non può andare avanti con teologie […]

articoli, attualità   |   Tags: , , ,

Cinque per mille 2017, c'è anche Civiltà Laica

Cari amici e care amiche di Civiltà Laica, da quest’anno potete destinare il cinque per mille della vostra dichiarazione dei redditi a Civiltà Laica. Il procedimento come sapete è semplice, basta indicare il codice fiscale della nostra associazione 91044120557 nell’apposito spazio del vostro 730 o Unico. Risposte preventive a d eventuali domande: No, non siamo diventati improvvisamente a favore anche dell’otto per mille, che pur avendo assonanze con questo tipo di tasse rimane un meccanismo opaco e a nostro giudizio non democratico per ripartire i fondi statali pubblici. Il cinque per mille invece rappresenta un meccanismo più trasparenze in cui i fondi non assegnati non vengono ripartiti a percentuali come succede con l’otto per mille. Continuiamo a sostenere che uno Stato laico non può avere religione di serie A (CCAR, firmataria di un intesa […]

articoli, attualità   |   Tags: , ,