I confini dell’impero sono ancora in mostra

La presentazione del libro “Ai confini dell’impero”  a giudicare dai numerosi riscontri che ci sono stati fatti di persona e attraverso i nostri contatti on line è andata molto bene, quindi evito di parlarne perché “chi si loda si sbroda” come diceva mia nonna.
Quello che voglio ancora una volta sottolineare è ancora una volta la continua indifferenza dei mass media locali verso le iniziative culturali proposte in città.
Ancora una volta siamo di fronte alla consueta assenza di riscontri verso i numerosi inviti che vengono fatti alle redazioni dei tre giornali (dicono che sono tali) se non sono condotti da azioni personali attraverso canali informali. Non è un problema di Civiltà Laica, è un problema generale dell’informazione nella città di Terni. Tanto è vero che dopo numerose esperienze posso dire che i c.d. giornalisti locali disertano puntualmente ogni conferenza stampa anche quando è convocata da partiti o addirittura da assessori.
Viene da chiedersi COME ottengono le notizie da pubblicare.
Ad ogni modo, la mostra degli scatti raccolti e selezionati da Damiano Meo nel suo viaggio nell’Europa dell’est saranno in mostra fino al 27 Novembre. Se non avete ancora avuto l’occasione andate a vederli (lun-sab 10-13/16-19) ne vale davvero la pena.

Alessandro Chiometti

Il sito di Civiltà Laica è stato creato da Katapulta Design Katapulta Design

Copyright 2010-2012 - Civiltà Laica - I documenti presenti sono pubblicati sotto una Licenza Creative CommonsCreative Commons Selezionata
Le immagini pubblicate su Civiltà Laica sono reperite in rete e ritenute di libera circolazione in quanto prive di dicitura indicante l'autore o la riproduzione riservata.
Tuttavia, qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore basta segnalarlo a info AT civiltalaica.it e verranno immediatamente rimosse.
C.F. 91044120557
Questo sito/blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato in base a tempistiche casuali ed imprevedibili. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7.03.2001.